Sagre di paese in Italia

Busiago (Padova) Dal 06/09/2007 Al 09/09/2007

Festa del Mais

SEMINATORI DI MAIS, CUSTODI DI TRADIZIONI

Programma della Sagra del Mais edizione 2007

La Festa del Mais di Busiago Vecchio - giunta quest'anno alla trentatreesima edizione - ha origini molto più antiche, collegate al culto mariano e alla celebrazione, l'otto di settembre, della Natività di Maria Santissima.

Pur mantenendo una forte connotazione religiosa la Festa del Mais è oggi caratterizzata anche dalla valorizzazione della produzione del granoturco e dei suoi lavorati, con cui sono preparate le specialità della cucina tradizionale veneta presentate durante la manifestazione.

Non mancano iniziativa di natura sociale: durante lo svolgimento della Festa del Mais, infatti, viene assegnato l'annuale Premio al Seminatore, onorificenza attribuita alla persona o all'associazione locale che più si sia distinta nell'assistenza ai bisognosi della zona.

festa del mais      festa del mais a Padova

Evento principale della manifestazione è il concorso gastronomico,patrocinato dall'Accademia Italiana della Cucina, "Piatto con polenta" (quest'anno domenica 9 settembre), arrivato ormai alla ventinovesima edizione, che prevede per gli oltre cento partecipanti la preparazione di un piatto per almeno sei persone.

Il turista goloso avrà quindi a disposizione una scelta a dir poco vasta di prelibati manicaretti della tradizione gastronomica padovana, con la polenta assoluta protagonista, accompagnati dagli altrettanto squisti vini del Veneto.

L'apertura dello stand è prevista per le ore 19 di domenica 9 settembre 2007, il costo medio previsto è intorno ai 10-15 euro, il parcheggio è a offerta libera.

Chiesa di Busiago

Attività collaterali della manifestazione sono il ballo al palchetto ogni sera, serate musicali per i giovani e sfilate per bambini organizzate dai ragazzi di Busiago.

Il principale elemento architettonico di Busiago. Il corpo originario di Villa Mussato (dal 1869 Villa Busetto, nome degli attuali proprietari) fu costruito nel XVII secolo, mentre la splendida facciata ornata dal bassorilievo del “musso”, emblema della famiglia, risale al XVIII secolo.

Al limitare del grande parco vi sono: la pila ad acqua per il riso, poi trasformata in mulino, i granai, i magazzini, le stalle e le abitazioni per i mezzadri ed i braccianti.

Il paese lega la sua storia alla famiglia Mussato, proprietaria del paese come visto a partire dal 1278 sino ai primi anni del '800. Busiago nominata per la prima volta in una bolla papale del 1091, si estendeva allora su di un vasto territorio,in buona parte boscoso, feudo del Vescovo di Padova. Fortificata da un castello oltre le cui mura si addensò un borgo contadino, Busiago fu ceduta ai Mussato nel 1278. In epoca più recente la proprietà passo due volte di mano, fino all'acquisizione nel 1869 da parte della famiglia Busetto.

Nella parte più antica di Busiago, sede della Festa del Mais, si trova l'oratorio dedicato alla Natività di Maria Santissima, edificato dai fedeli nel 1882, opera di Girolamo Gottardello.

Al centro del borgo vecchio svettano il monumento alla “panocia”, la pianta del mais raffigurata in una statua di ferro battuto di noteveoli dimensioni, e il monumento “Al seminatore”. Questo è solo un esempio - insieme con l'istitutizione del concorso "Piatto con polenta", delle numerose iniziative a favore del paese fortemente volute dal compianto benefattore di Busiago, l'industriale Aristide Finco.

Il visitatore curioso, inoltre, non si lascerà sfuggire l'occasione di visitare uno dei gioielli dell'architettura del Palladio. Infatti, a Piazzola sul Brenta, a circa sei chilometri da Busiago e da Campo San Martino, è possibile visitare una delle più significative Ville Palladiane.

Villa Contarini è uno dei più vasti, imponenti ed elaborati complessi architettonici progettati secondo la caratteristica tipologia strutturale delle Ville Venete.

Il progetto originale è molto probabilmente frutto del genio di Andrea Palladio su commissione dei patrizi veneziani Francesco e Paolo Contarini.

All'interno della villa, la sala da musica, la celebre "Sala della chitarra rovesciata" dalla acustica perfetta, tanto apprezzata da Antonio Vivaldi, ora studio d'incisione d'elezione per molti ensaemble e orchestre da camera italiani e stranieri. Il più importante complesso architettonico del Veneto, ricco di gallerie affrescate e preziosi saloni decorati, ospita numerose esposizioni artistiche e manifestazioni culturali temporanee e una pregiata collezione permanente di mappe e disegni antichi. Intorno al complesso il parco secolare, di oltre cinquanta ettari, è - al pari della villa - completamente aperto al pubblico.

La villa è visitabile tutta la settimana, tranne il mercoledì, dalle 9 alle 19, da marzo a ottobre, dalle 10 alle 16, da ottobre a febbraio. Il biglietto d'ingresso costa 5,50 euro; 3,50 euro per il solo accesso al parco. Per informazioni telefonare allo 049 5590238.

Festa del Mais di Busiago Vecchio


località Busiago, comune di Campo San Martino (PD)
Per informazioni: Pro Loco 049 552549
Come raggiungerci
Collegamenti autostradali:
Autostrada A4 Milano Venezia, uscita Casello Padova Ovest a 15 Km
Autrostrada A13 Bologna Padova + Tangenziale, uscita Casello Padova Ovest a 15 Km.
Strade statali: Campo San Martino è situata al Km 18 della SR. n. 47 "Valsugana"


<< Dicembre 2020 >>
DomLunMarMerGioVenSab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
 

Iscriviti alla newsletter

Inserisci una e-mail valida

Una sagra a caso

foto

Organizzi
sagre ?

Anche tu vuoi mettere in evidenza la tua sagra ?

Cos'è tuttelesagre.it
Segnalaci la tua sagra
Richiedi il tuo redazionale